Iscriviti alla newsletter. SCOPRI COME FARE 

Macchine e impianti

Forniamo servizi di:

  • Valutazione rischi e Auditing RESS
  • Fascicolo tecnico (consulenza marcatura CE)
  • Messa in servizio delle attrezzature
  • Impianti e apparecchi a pressione (certificazione PED)
  • Impianti e attrezzature di sollevamento
  • Gestione delle scadenze documentali e di manutenzione
  • Valutazione della conformità parco macchine e impianti (checkup)

Poke di Consulenza

Per la tua azienda sogni un pacchetto di formazione che si adatti alla perfezione alle vostre esigenze?

Scegli uno dei nostri Poke, pacchetti di consulenza personalizzabili in base alle necessità e agli interessi della singola azienda.

Che cos’è la direttiva macchine?
La legislazione di riferimento: DIRETTIVA 2006/42/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17 maggio 2006 relativa alle macchine in uso in ambienti di lavoro. Gli stati membri applicano la direttiva dal 29 dicembre 2009. Recepimento italiano: D. Lgs. n.17/2010 ‘Attuazione della direttiva 2006/42/CE (vigore 06/03/2010)’ Riferimenti legislativi correlati: D. Lgs. n.81/2008 ‘Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro’
Parole chiave

MACCHINA:

insieme equipaggiato o destinato ad essere equipaggiato di un sistema di azionamento diverso dalla forza umana o animale diretta, composto di parti o di componenti, di cui almeno uno mobile, collegati tra loro solidamente per un’applicazione ben determinata.

 

FABBRICANTE:

persona fisica o giuridica che progetta e/o realizza una macchina o una quasi-macchina oggetto della presente direttiva, responsabile della conformità della macchina o della quasi-macchina con la presente direttiva ai fini dell’immissione sul mercato con il proprio nome o con il proprio marchio ovvero per uso personale.

La macchina deve essere dotata di marcatura CE e dichiarazione CE di conformità come previsto dalla direttiva macchine 2006/42/CE.

È a cura del Fabbricante legale/Utilizzatore seguire la procedura per l’immissione sul mercato e messa in servizio di una MACCHINA (la marcatura CE originaria decade e dovrà essere rinnovata se la macchina è inserita in un sistema di macchine, es. linea di produzione); in particolare quando:

  • Una macchina è asservita da altre macchine o quasi-macchine (robot, manipolatori ecc.)
  • Se vengono apportate modifiche “sostanziali” non previste o concordate con il fabbricante (es. una modifica della funzione e/o delle prestazioni della macchina non presenti nel fascicolo tecnico della macchina).

 

USO PREVISTO:

L’uso della macchina conformemente alle informazioni fornite nelle istruzioni per l’uso.

 

USO SCORRETTO RAGIONEVOLMENTE PREVEDIBILE:

L’uso della macchina in un modo diverso da quello indicato nelle istruzioni per l’uso, ma che può derivare dal comportamento umano facilmente prevedibile.

 

MESSA IN SERVIZIO:

primo utilizzo, conforme alla sua destinazione, all’interno della Comunità, di una macchina.

 

MANUALE:

l’insieme delle indicazioni, delle istruzioni d’uso, delle avvertenze e delle informazioni indispensabili all’uso in sicurezza della macchina.

 

OPERATORE:

qualsiasi operatore utilizzatore autorizzato, qualificato, informato, formato e addestrato che opera sulla macchina. L’operatore deve essere messo a conoscenza dei contenuti del Manuale.

 

VIZI PALESI:

carenze che l’operatore (in fase di messa in funzione, messa a punto e utilizzo della macchina), in possesso di una idonea conoscenza delle Leggi e delle Norme, è in grado di rilevare.

 

NORMA ARMONIZZATA:

specifica tecnica adottata da un organismo di normalizzazione (es. UNI, CEI). Le macchine costruite in conformità di una norma armonizzata, il cui riferimento è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, sono presunte conformi ai requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute coperti da tale norma armonizzata.

 

REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA E DI TUTELA DELLA SALUTE:

disposizioni obbligatorie relative alla progettazione e alla fabbricazione dei prodotti soggetti alla direttiva macchine intese ad assicurare un elevato livello di protezione della salute e della sicurezza delle persone e, se del caso, degli animali domestici e dei beni nonché dell’ambiente, qualora applicabile.

 

EFFICIENZA PRODUTTIVA:

capacità di azione o di produzione con il minimo di scarto, di spesa, di risorse e di tempo impiegati
a ottimizzazione del processo con adeguate macchine (marcatura CE dell’insieme così creato)

 

EFFICACIA PRODUTTIVA:

intervento messo in atto per raggiungere l’obiettivo specifico che ci si propone con tale intervento
a ottimizzazione dei RESS (meno infortuni, meno stress)

 

Consulenza marcatura CE e certificazione degli impianti

(direttiva 2006/42/CE )

IPSAI SRL affianca e supporta i propri clienti in tutte le fasi di consulenza marcatura ce e certificazione degli impianti (direttiva 2006/42/CE ).

La consulenza marcatura ce e certificazione degli impianti prevede la verifica sostanziale della documentazione tecnica disponibile per tutte le macchine, i componenti e gli impianti asserviti alle linee in riferimento a quanto previsto nella progettazione e realizzazione delle linee e nella normativa vigente applicabile (direttiva 2006/42/CE).

 

Cosa garantisce la nostra consulenza marcatura CE ? (direttiva 2006/42/CE )

Il fine della nostra consulenza marcatura ce e certificazione degli impianti è quello di garantire la conformità tecnico-legale dei Fascicoli tecnici delle linee che il Fabbricante legale deve avere per la conformità d’uso delle stesse, secondo le disposizioni di cui al D.lgs.17/2010, direttiva 2006/42/CE e Norme di buona tecnica applicabili nel più ampio contesto del disposto normativo di cui al D.lgs.81/2008.

IPSAI, attraverso la consulenza marcatura ce e certificazione degli impianti, garantisce in sintesi la predisposizione del Fascicolo tecnico, della Analisi e Valutazione dei rischi e del Manuale di uso e manutenzione e Istruzioni di sicurezza in conformità con la direttiva 2006/42/CE.

 

Certificazione PED

La Direttiva 2014/68/UE (Certificazione PED) relativa al controllo dei rischi ed alla sicurezza per le apparecchiature in pressione, prevede la conformità a requisiti essenziali di sicurezza di tutti gli impianti (insiemi) e delle singole attrezzature immessi sul mercato europeo.

Esempio di Certificazione PED.

Il nostro servizio di certificazione PED consiste nella denuncia di messa in servizio degli apparecchi a pressione per conto del cliente.

L’intervento per la certificazione PED prevede la raccolta dei documenti relativi agli apparecchi a pressione siti presso l’unità produttiva aziendale e la predisposizione di tutta la documentazione necessaria da trasmettere agli Enti Competenti, al fine di comunicare all’INAIL la presenza degli apparecchi a pressione.

Leggi la nostra selezione di articoli dedicata alla Direttiva macchine.